Cesare Battisti

“Cesare Battisti è forse il modello perfetto di cuoco secondo Carlo Petrini: una persona capace di unire chi vive in campagna a chi vive in città e questo lo fa con un sorriso da teatro dell’arte.”

CIT da Identità Golose, Tokyo Cervigni

Cesare Battisti, nato nella Milano del 1971, è Chef e Oste del Ratanà ed è considerato oggi uno dei cuochi più rappresentativi della cucina di tradizione rivisitata e di qualità, attenta all’utilizzo delle materie prime eccellenti provenienti da piccoli produttori e incentrata sui temi della sostenibilità alimentare, ma anche economica, ambientale e sociale.

Dopo molti anni in giro per l’Europa, rientra a Milano e prende parte alle brigate di ristoranti dediti alla cucina della tradizione meneghina.

Il desiderio di lasciare il segno con la sua cucina è però forte e arriva presto il momento di creare un luogo diverso che esca dagli schemi ristorativi milanesi e italiani e rifletta pienamente la sua filosofia di ristorazione così, nel 2009 apre il Ratanà, una delle prime osterie contemporanee in Italia.

Qui si fa interprete della tradizione gastronomica lombarda rivisitandola e proponendola in chiave moderna attraverso preparazioni semplici solo all’apparenza, con innovative tecniche di cottura e una grande ricerca della materia prima. La filosofia di cucina di Cesare è chiaramente espressa nel suo Decalogo della cucina – “Sostenibilità oltre ogni retorica”.

 

Una cucina moderna quindi ma profondamente legata alla memoria, perché la cucina è fatta di ricordi, di luoghi, sensazioni che evocano momenti, infanzia, casa.

 

Dall’ottobre 2016 ricopre la carica di Segretario Generale dell’Associazione senza scopo di lucro “Ambasciatori del Gusto”, attraverso cui si impegna nella promozione e valorizzazione della cucina di qualità e l’eccellenza del Made in Italy nel mondo. Impegnato nel sociale, collabora con Onlus e Associazioni a supporto dei valori della sostenibilità, della corretta alimentazione e dell’inclusività.